Arlecchino cavadenti

Spettacolo di burattini dove Orazio è innamorato della giovane Isabella, ma anche Pantalone ha messo gli occhi sulla bella dama. “Quello che poscia ne succedesse, dal concludere della favola si conoscerà.”

Arlecchino cavadenti

L' intreccio è dei più classici: Orazio, figlio di Pantalone, ama, riamato, la giovane nobile Isabella. Pantalone, vecchio barbogio con velleità da dongiovanni, messi gli occhi sulla bella ragazza decide, per suo conto, di sposarla. Di questa intenzione mette a parte il suo servo Brighella. Ne nasce un’acerba discussione, durante la quale Pantalone morde il servitore ad un braccio. Questi, dolorante ed inviperito, progetta vendetta e coinvolge Arlecchino, il dottor Balanzone ed Orazio. Isabella ci si mette con la sua conoscenza delle arte magiche.

In caso di maltempo atrio del Municipio

Riferimenti

375 5477 303
info@fondazioneravasio.it
Costo: ingresso libero